venerdì 18 agosto 2017

Le politiche di Austerità ammazzano 10.000 volte piu' dell’ISIS

Abu Bakr al-Baghdadi, il cosiddetto leader dell’ISIS, se si tratta di uccidere esseri umani occidentali anzitempo è… un principiante. Basta leggere lo studio dell’ANAAO ASSOMED corroborato dall’EUROSTAT.

Con un doppiopetto, la cravatta rossa, il rispetto di tutti al mondo e le autoblu blindate a Bruxelles o a Francoforte, di occidentali innocenti e prima del loro tempo se ne possono sterminare centinaia di migliaia di più dell’ISIS, senza rischiare neppure una multa per divieto di parcheggio.

Abu Bakr al-Baghdadi canta vittoria quando uno dei loro riesce a prendere un furgone e ad ammazzarne 13 di noi. Tredici in un giorno, che non è ogni giorno, no, è per fortuna un giorno ogni tanto. Mica come i presidenti e Commissari della Commissione Europea, i ministri dell’Ecofin e della Banca Centrale Europea, che di europei ne ammazzano migliaia al giorno, in Italia quasi 200 al giorno, ma non ogni tanto, NO, li ammazzano ogni 24 ore lungo 365 giorni all’anno da 4 anni almeno. E la mattina hanno l’Europa a riverirli.

Tredici morti, con ogni possibile rispetto per i familiari, sono meno di uno sbadiglio del Pianeta. Il motivo per cui diventano l’eruzione di Pompei ed Ercolano è solo grazie ai miei colleghi (bè, si fa per dire) che prendono la news dello psicopatico ISIS col furgone e la fanno diventare Hiroshima e Nagasaki. Ma dei sopraccitati Mega-sterminatori UE non scrivono, eh? No. No news planetaria per le vere stragi, eppure siete sempre voi persone che crepate. Basta leggere lo studio dell’ANAAO ASSOMED corroborato dall’EUROSTAT. Ma ancora un attimo.

Abu Bakr e simpatizzanti sono clinicamente degli psicopatici, ma robetta da pochino. Spiego. Cos’è, clinicamente, uno psicopatico? E’ un umano totalmente incapace di rapportarsi con, e riconoscere, la sofferenza altrui. Di certo il tizio amico dell’ISIS che guidava il furgone di Barcellona lo era. Ma uomini molto meno distorti di sti barbuti che sono cresciuti piuttosto sfigati, cioè parlo di uomini da sempre privilegiati e che stanno nei Palazzi del governo d’Europa, bè sti Signori sono molto più psicopatici dei barbuti ISIS. Le cifre parlano da sole, le avete lette sopra? Sotto più dettagli nello studio dell’ANAAO ASSOMED corroborato dall’EUROSTAT.

Cos’è un umano che crepa prima del suo tempo? Può essere uno che passeggiava a Madrid ieri ed è stato maciullato da un furgone, certo. Oppure può essere un ammalato a cui hanno detto per colpevole fretta, per colpevole incompetenza, e per colpevole mancanza di mezzi*, che lui aveva solo un banale adenoma all’ipofisi… ma in realtà era un adenocarcinoma. Eh… sapete, LE AUSTERITA’ Dl BRUXELLES, che si traducono in liste d’attesa, in reparti d’eccellenza italiani che si rarefanno come le stelle alpine, in giovani specialisti che devono fare turni di 12 o 16 ore perché altri professionisti non se ne possono assumere, e sti medici martiri arrivano a fine turno di 16 ore che vedono una TAC come una talpa vede il Cervino… Ma quell'ammalato, uno fra decine di migliaia con quel destino, lo hanno lasciato 4 anni ignaro, magari se si fosse intervenuto subito, magari quei 15 anni in più li aveva… come il tizio di Barcellona che se non fosse passato di lì quanti anni in più avrebbe avuto?

Dove sta la differenza? Entrambi sono uccisi da psicopatici*. E qui sta un chiarimento:

Come detto, il singolo morto di Barcellona ieri è stato ammazzato dallo psicopatico amico ISIS. Ma quello del finto tumorino, e centinaia di migliaia come lui in UE, CIOE’ ESATTAMENTE 68.000 ITALIANI OGNI ANNO, sono stati condannati a morte PREMATURA da terroristi economici psicopatici che tutti portano in palmo di mano perché hanno il doppiopetto blu, e si chiamano Junker, Buti, Draghi, Moscovici, o Vladis Dombrovskis. Sta gente delle nostre vite e delle nostre sofferenze FREGA MENO DI UN CAZZO, ci lasciano morire ESATTAMENTE come se c’imbattessimo nell’assassino ISIS. Con la differenza che la risma di bruti ISIS ne ammazzano migliaia di volte DI MENO di Junker, Buti, Draghi, Moscovici, o Vladis Dombrovskis. E’ un fatto, sono cifre, cari lettori.

Lisciati la barba Abu Bakr. Sono incappato in uno studio dell’ANAOO ASSOMED corroborato dall’EUROSTAT che ci racconta come le Austerità imposte all’Italia dalla Commissione Europea e dalla Banca Centrale Europea sono quasi certamente, con scarti di calcolo insignificanti, responsabili di almeno 68.000 italiani morti all’anno nel mio Paese prima del loro tempo, a causa dei drammatici tagli alla sanità imposti proprio dagli psicopatici consapevoli killer in doppiopetto blu. Morti ammazzati prima del loro tempo, come quelli di Barcellona. Ma tanti tanti più che a Barcellona , Bataclan, ecc.

Stragi inflitte a noi italiani da gente che non abbiamo mai eletto né voluto, ma sti assassini non stanno a Raqqa, stanno a Bruxelles e a Francoforte e a Palazzo Chigi. E se parliamo solo del mio Paese, l’Italia, questa strage non islamica si traduce in 186 esseri umani che schiattano, anche se non dovevano, ogni giorno. OGNI-GIOR-NO, E SOLO IN ITALIA. Poi ci sono gli altri PIIGS. Abu Bakr, no, non ce la farebbe mai.

Per dirvi, in Grecia dal 2008 sono 116.600, il doppio che in Italia. State capendo? Hey! Un morto sotto un furgone ISIS è IDENTICO A UN PADRE DI FAMIGLIA AMMAZZATO 15 ANNI PRIMA DEL SUO TEMPO DALLE AUSTERITA’. Ci arrivate?

Le Austerità ammazzano 10.000 volte l’ISIS se calcoliamo tutta la UE, per non parlare dell’Est Europa e dei 45.000 americani che crepano ogni anno per gli stessi motivi. L’attentato alla Boston Marathon? Vogliamo paragonare?

Allora, sinceramente, detta in termini semplici: perché la Repubblica, il The Guardian, lo Spiegel, Le Figaro, El Pais, non titolano mai per l’oceano di morti in UE, in Russia, in USA a causa dei Terroristi Economici di cui sopra, ma però si sbragano per i 13 di Barcellona ?

Elementary Watson, elementary…

PAOLO BARNARD

http://altrarealta.blogspot.it/

UN ALTRO SUCCESSO DEL GOVERNO: NUOVO RECORD DEL DEBITO PUBBLICO

I media mainstream vi diranno che il debito pubblico italiano a Giugno 2017 è cresciuto pochino, anzi quasi nulla, anzi praticamente zero e che magari siamo vicini alla “svolta” (si ma nel culo).

Esattamente il contrario della realtà_:

Fateci caso, il debito pubblico italiano a Giugno 2017 è salito solo di 2 miliardi di euro, contro i 7 miliardi di Giugno 2016…..però…. la cassa ovvero i soldi liquidi o quasi in mano al tesoro a Giugno 2017 sono scesi di 6.3 miliardi di euro il che significa che in termini monetari reali il debito italiano a Giugno 2017 è salito di 8.3 miliardi di euro.


E a Giugno 2016 la somma fra incremento del debito e variazione di casa aveva portato a un MIGLIORAMENTO di 13 miliardi.

L’Italia si sta avvitando verso una micidiale spirale di debito per simulare una crescita economica asfittica e comunque insostenibile con la struttura di spesa pubblica richiesta.

Fuggite. Siate consapevoli, siate preparati.

p.s. L’Italia di solito a fine anno fa una operazione per “abbellire” il debito pubblico attingendo dalla cassa. Il problema è che ne rimane pochina

Rischio Calcolato

http://altrarealta.blogspot.it/

mercoledì 16 agosto 2017

LA NUOVA PESTE STERMINA L’UOMO BIANCO. ORMAI SUPERFLUO

E’ ormai la prima causa di morte per gli americani sotto i 50 anni, quindi in età produttiva. Un americano su 91 ogni giorno muore per overdose da fentanyl, un oppioide sintetico, antidolorifico, che crea forte dipendenza. La chiamano “opioid epidemic”: 52 mila morti nel 2015, 59 mila nel 2016 (più 19%), già oltre 60 mila ad agosto 2017, saranno almeno 65 mila a fine anno. Aumenti spaventosi.

Gli Stati Uniti sono il paese con più morti per overdose del mondo per milione di abitante e lo sono per un differenziale enorme. 245.8 morti ogni milione all’anno contro i 26.4 per milione in Europa, dati del 2015, quindi 10 volte di più.

“Il 70 per cento dei corpi in questo obitorio dell’Ohio sono per overdose da oppioidi”
A morire per overdose non sono tanto i neri o gli ispanici, sono soprattutto i bianchi, e soprattutto i maschi bianchi.

Un coroner di Pennsylvania occidentale lamenta: ogni notte mi arrivano anche 13 corpi, non so più dove metterli; è come una peste. In vari stati i poliziotti sono stati forniti di naloxone, un farmaco d’emergenza: se trovano un morente per overdose, l’iniezione può salvarlo, ma ovviamente non fa nulla per ridurre il tasso di dipendenza.

Li prescrive il dottore.
Lo Stato dell’Ohio ha querelato cinque farmaceutiche che fabbricano e producono il fentanyl, per “favoreggiamento dell’epidemia” (E’ il libero mercato, ragazzi). Incredibilmente, il fentanyl viene prescritto dai medici, appunto come antidolorifico – almeno all’inizio. Poi i pazienti cominciano a comprarlo illegalmente. Ci sarebbe anzitutto da chiedere: per quali mai dolori gli americani si rivolgono al medico, se il medico trova normale prescrivere un “antidolorifico” oppioide sintetico “che è 50 volte più forte dell’eroina e 100 volte più potente della morfina”. Quali dolori – se non quelli incoercibili del cancro terminale – richiedono un tale palliativo? Oppure si tratta della necessità di “funzionare” sul lavoro anche se si soffre per un qualunque dolore perché non ci si può assentare? E poi: sono dolori fisici quelli che gli americani maschi bianchi vogliono soffocare con la prescrizione, o dolori spirituali a cui non sanno dare un nome?

Anche il male sociale è stato privatizzato. Te lo curi da te.

Il sito “Governing.com”, notiziario di tutti gli enti locali, osa un’altra diagnosi: “Non è come le passate crisi per droga, come quelle del crack o delle meta-anfetamine, non è la comparsa di una nuova classe di droghe che creano dipendenza a far morire ogni giorno 91 americani. Questa crisi degli oppiacei è una crisi del lavoro; è una crisi di affitti accessibili per le case. Le stesse forze che hanno rimodellato l’economia nel decennio scorso, hanno lasciato il vuoto riempito, in certe zone, dagli oppioidi”.

Ed aggiunge:

“Uno studio dell’Università di Pennsylvania dopo le elezioni presidenziali dello scorso novembre ha scoperto che il presidente Trump ha preso enormemente più voti del previsto in quelle province (contee) che registrano il più alto tasso di “morti da disperazione”, ossia suicidi, overdosi di droga o da alcolismo. Ciò mostra che molti americani si sentono lasciati indietro dall’economia che cambia, e non credono più che il quadro politico attuale li sta aiutando”.

Dunque sono i bianchi maschi, in età da lavoro, che devono “funzionare” anche se malati per non essere licenziati, gente che votava democratico, spesso, che invece hanno votato l’uomo nuovo che ha promesso, o anche solo dato l’impressione, di avere a cuore la loro tragedia? Forse i dolori che accusano questi bianchi non vengono dal corpo, né propriamente dallo spirito – ma vengono da una malattia sociale cui non sono più abituati a dare il senso giusto: ossia politico e collettivo, e che reinterpretano come un dolore privato, da “superare” e da “ingoiare”?

Ho già accennato – troppo in breve – a un altro studio di due università, la Boston University – Department of Political Science, e la University of Minnesota Law School, sul rovesciamento del voto in circoscrizioni tradizionalmente democratiche, che hanno rifiutato Hillary Clinton e votato invece per Trump: sono quelle dove un numero maggiore di soldati, giovani che avevano “servito la patria” nei 15 anni di guerre americane, sono tornati nelle bare, o vivi e mutilati, o invalidi psichici. Per lo studio, tre stati chiave per l vittoria di Donald, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin, avrebbero dato la vittoria a Hillary se i vicini non avessero visto tante famiglie in lutto o con un invalido di guerra in casa. “Trump ha parlato a questa parte dimenticata dell’America”. L’America dimenticata che sta elevando una silenziosa protesta per il costo umano che sta subendo per sostenere i 15 anni di guerre insensate non solo politicamente, ma eticamente (sono infatti, sappiamo, “guerre per Israele”).

Il tasso immane di suicidi fra i soldati americani, da otto anni in crescita, è leggibile come l’estrema protesta silenziosa e impotente di un popolo per quello che lo costringono a fare?

Nella fanteria, la più colpita, si toccano il 29,9 suicidi per 100 mila persone, oltre il doppio della popolazione generale (12,6 per 100 mila). Punte di un suicidio ogni 2,2 giorni. Si uccidono molto gli appena arruolati, anche prima di essere dispiegati in territorio nemico; ma moltissimo i congedati: “Venti reduci ogni giorno muoiono per suicidio”, dice un rapporto ufficiale della Veteran Authority del 2016.

https://www.va.gov/…/Suicide_Prevention_FactSheet_New_VA_St…

“I soldati si uccidono per la guerra perpetua”.

Sulle cause, silenzio. Jason Roncoroni, un tenente colonnello che ha fondato una associazione di prevenzione del suicidio, tocca l’argomento tabù: “attribuisce il tasso fra i militari al sentimento, fra loro, che le guerre americane non finiranno mai, e l’aspettazione di missioni future senza fine. Abbiamo sfumato la linea tra il tempo di guerra e il tempo di pace…”.

Già: il tasso di suicidi s’è alzato dai primi anni 2000, inizio delle guerre “al terrorismo” (11 Settembre 2001), e non è mai calato. Anche, qui, sono i maschi bianchi a suicidarsi di più: i bianchi compongono poco più della metà dei soldati in servizio, ma i suicidi fra loro sono 7 su 10. Si piega sotto il fardello dell’uomo bianco, l’americano qualunque; l’uomo bianco che deve “funzionare”, e proprio per questo l’hanno caricato con un fardello che ormai lo schiaccia. E lui, sotto, incapace di sollevarlo, ci si uccide. Fatto istruttivo, solo l’armata israeliana ha tassi di suicidi paragonabili.

Aggiungiamoci i 500 omicidi l’anno nella sola città di Chicago, in cui sono coinvolti soprattutto negri, quasi due al giorno, e in continuo aumento. Nell’insieme è l’immagine di una popolazione che si autodistrugge, che si devasta. O che viene devastata dalla “economia che cambia” e “li lascia indietro”, con paghe sempre minori ed affitti da pagare, e la coscienza della propria inutilità.

E’ il capitalismo terminale, quello che fa profitti non più producendo merci ma producendo bolle finanziarie, che nella sua perfezione ideologica applicata persegue la massima efficienza come la intende: pagare il meno possibile il lavoro, precarizzarlo, sostituirlo con robot a tappe forzate, per retribuire al massimo il capitale finanziario.

Tale “efficienza” porta l’effetto paradossale ed opposto, che le imprese industriali rimaste in Usa fanno fatica a trovare lavoratori qualificati che non siano resi inservibili dall’oppioide. L’allarme è stato lanciato non da organizzazioni sociali, ma dalla stessa Federal Reserve. Le Fed di St Louis ha denunciato l’introvabilità di lavoratori non drogati, e quindi improduttivi, in un “Libro Beige” diffuso il 12 luglio.

La stessa Janet Yellen, la governatrice della Federal Reserve, ha spiegato in un’audizione al Senato che “gli oppioidi erano una delle cause del crollo della forza-lavoro”, insieme beninteso ai robot e alle delocalizzazioni.

Un crollo inaudito dalla ”partecipazione alla forza lavoro”, ossia delle persone che si offrono di lavorare. “Oggi, il 15% degli uomini fra i 25 e i 54 sono inspiegabilmente spariti dalla forza-lavoro – ossia uno ogni sette – nonostante il tasso di disoccupazione sia calato”. Sono drogati che non riescono più a funzionare…

(Vedi qui: “La Fed crede che la ragione per cui gli uomini non lavorano sono gli oppioidi” http://www.zerohedge.com/…/fed-says-opioid-crisis-reason-wh…).

La Yellen ha aggiunto di non capire e non sapere se “un così diffuso abuso di oppiacei sia la causa, o invece il sintomo di “malattie di lunga durata” che questi lavoratori” . Ecco, appunto: malattie non curate, perché mica ci si può assentare dal lavoro, e mica si può pagare l’assicurazione sanitaria e represse con il farmaco da prescrizione. L’efficienza capitalista terminale ha costituito una società anti-umana, dove i deboli e i poveri sono spregiati e trattati da bocche inutili, abbandonati.

L’abolizione di ogni protezione sociale (un costo), di ogni educazione superiore per chi non se la può permettere – e quella superiore che produce snowflakes senza spina dorsale, incapaci di sopportare la minima frustrazione esistenziale, legati al potere dal politicamente corretto, inutili per una rivoluzione – , l’ideologia permissiva e trasgressiva funzionale ai consumi superflui, si rivelano un regno sotto cui gli uomini si devastano e si danno la morte. Una specie di estrema, inconscia e impotente protesta contro un sistema radicalmente inumano e nichilista, non riconosciuto per tale dalle stesse vittime, che le spinge ad eliminarsi. A tal punto l’uomo è un animale “politico”.

Ovviamente il Sistema impone le sue cure in più alte dosi: ancora più robot per sostituire i salariati inefficienti, ancora più licenziamenti nei servizi, meno commesse e commessi negli shopping centers – che del resto chiudono l’uno dopo l’altro, perché si compra su Amazon e si risparmia.

La finanza speculativa persegue la perfezione della sua utopia disumana: non lasciare niente alle masse, per prendersi tutto, letteralmente tutto per sé.

(l’1 per mille al vertice s’è preso tutto, agli altri non ha lasciato niente. E’ la massima efficienza nell’allocazione del capitale. Poi l’uomo muore).
Uno degli effetti viene descritto così: “L’industria Usa della ristorazione è bloccata nel suo peggiore collasso dal 2009”. Sempre meno clienti. Si deve sapere che quando si parla di “industria della ristorazione” (ma non era un servizio?) non si intendono i ristoranti di lusso, ma i McDonalds e simili in cui mangia in fretta con 5 dollari un hamburger l’uomo comune. Quello che adesso è senza salario e si spende il poco che ha in oppioidi. Chi ci devono andare da McDonalds, secondo il capitalismo terminale? I robot con cui ha sostituito le persone?

E in questa spaventosa crisi e collasso di un intero popolo, cosa fanno le sinistre (alla Soros?) incitano i neri alla distruzione dei monumenti confederati; un’operazione sistematica cui si prestano i negri e gli snowflakes, e a cui i “suprematisti bianchi” di Charlottesville hanno reagito come sappiamo. Un modo molto astuto di deviare la rabbia popolare perché non si rivolga contro i loro veri oppressori.

Non si creda che queste cose in Europa non succederanno. Già stanno succedendo.

Chissà chi sono quegli italiani che spendono 14,5 miliardi l’anno in stupefacenti, la metà in cocaina.

“Il mercato del lavoro non si rivolge più a chiunque, ma cerca solo i più qualificati in alto e i non-qualificati affatto, in basso. Via la classe media! Le classi popolari non fanno più parte del progetto economico delle classi dirigenti, e non interessano il mondo intellettuale”: così il sociologo Christophe Guilluy in “La France Périphérique – Comment on a sacrifié les classes populaire”: dove dimostra come i veri poveri non stano nelle banlieues multirazziali tanto osservate dai media, che invece raccolgono almeno le briciole della nuova economia ultra—metropolitana, essendo vicine a Parigi (dove gli operai sono calati dal 254% all’8%, mentre i dirigenti sono passati dal 15 al 42%). No, i veri poveri sono i dimenticati del Nord ex industriale, dimenticati da tutti,che votano FN e affondano nell’alcolismo – vecchio segnale francese di disperazione. Ma per questo occorrerà un altro articolo.



L’articolo USA: LA NUOVA PESTE STERMINA L’UOMO BIANCO. ORMAI SUPERFLUO. è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});
http://altrarealta.blogspot.it/

NON IN MIO NOME.


Il Capo dello stato italiano (un abusivo eletto da un parlamento abusivo perché illegittimo) dichiara apertamente e senza alcun scrupolo che il Popolo Italiano non deve essere sovrano ma suddito.
Suddito di chi? Ci dica, di chi?
Così capiamo perché chi straparla è illegittimo:
Non in mio nome!
A) Corte costituzionale, sentenza 1/2014
il porcellum è incostituzionale:
1) nella parte in cui non veniva attribuita agli elettori la facoltà di esprimere preferenze per i candidati;
2) nella parte in cui veniva attribuito un premio di maggioranza senza che fosse prevista una soglia minima di voti oltre la quale avrebbe potuto trovare applicazione il premio.
Diversamente da quanto dicono tv, giornali e usurpatori, da nessuna parte (nessuna!) è scritto in sentenza che il Parlamento è comunque legittimo. V’è solo scritto che le Camere sono organi indefettibili, concetto – in diritto – totalmente diverso da quello di legittimità. La differenza è abissale e l’ho spiegata mille volte!
B) Corte di Cassazione, prima sezione civile, sentenza n. 8878/2014:
1) si è verificata una grave alterazione del principio di rappresentatività democratica.
Ciononostante, da più di tre anni e mezzo un manipolo di usurpatori del potere politico sta distruggendo il Paese, incurante della democrazia costituzionale e della sovranità popolare!
In nome di chi questi vigliacchi ed usurpatori tradiscono il Paese? In nome di chi?
Non in mio nome!
Non in mio nome!

D.N.F.

Una Cittadina Italiana


https://scenarieconomici.it/mattarella-dice-che-non-si-puo-tornare-alla-sovranita/

http://altrarealta.blogspot.it/

martedì 15 agosto 2017

IL PROBLEMA DEI MIGRANTI ? BASTAVA LASCIAR FARE AI LIBICI E METTERE UN FRENO ALLE ONG




Una “Normalizzazione” nella crisi dei migranti sembra avvicinarsi. Non una soluzione, per la queale sarebbe semplicemente sufficiente applicare le norme sull’immigrazione, selezionando i veri rifugiati da chi viene qui per godersi un po’ di vacanze gratuite a spese dei contribuenti italiani. Ricordiamo che si prevede di spendere 4,6 miliardi per l’accoglienza dei migranti, più o meno ‘incasso dell’IMU sulla prima casa o 1/3 dell’IMU totale…

Alla fine per rallentare il flusso dei migranti sono stati sufficienti due eventi:

*far capire alle ONG che c’è una sottile differenza fra fare salvataggio in mare di persone in pericolo e fare i trafficanti di carne umana in collusione con i libici. Perchè quando si caricano dalle coste libiche gli immigrati non in pericolo si diventa direttamente complici degli schiavisti. Se poi si ricevono , anche in via indiretta tramite un prete cattolico Friburgo, le chiamate degli scafisti,si commette un reato, come finalmente si è resa conto la magistratura italiana che ha indagato tutti i comandanti della Jugend Rettet. Ci sono registrazioni che rivelano come questi loschi personaggi non lavorassero per il bene e per la gloria, ma per ottenere laute donazioni da altri personaggi poco chiari. Potremmo poi ricordare che Save The Children ha come AD il figlio di De Benedetti , poi coinvolto nella gestione dei CARA i centri di accoglienza degli immigrati, riuscendo ad integrare una vera e propria linea di produzione dell’immigrazione illegale, dalla materia prima al suo sfruttamento. E cosa dire di Medici Senza Frontiere, il cui amministratore ha grossi interessi politici in Francia e che è nota per essere una sorta di longa manus dei servizi di Parigi. Con l’immigrazione, dietro lo schermo di una pelosa beneficienza, le ONG hanno fatto lauti affari a spese degli italiani.

*che i libici decidessero di non volere estranei nei loro mari, ponendo 180 km come limite per l’accesso delle ONG. A quella distanza i trafficanti devono almeno fare la fatica di comprare delle barche vere, non dei gommoni di chewing gum, per portare loro gli schiavi da trasbordare ed il business diventa meno profittevole. Meno profitto, meno migranti, oppure si cambia rotta per dove l’utile può essere massimizzato, in questo caso la Spagna. Intanto anche Haftar è tornato a più miti consigli, affermando che non sparerà alle nostre navi, chiedendo denaro (tanto l’Europa paga chiunque, a partire dalla Turchia) ed andando a prendere ordini a Mosca, tanto per far capire con chi bisogna trattare.

L’immigrazione ha rivelato la pochezza della nostra politica, ei nostri benefattori interessati dell’ARCI e delle ACLI, che comandano Delrio a bacchetta. Alla fine è bastata una lieve minaccia della nostra magistratura e della guardia costiera libica (la nostra è al servizio degli scafisti, grazie al ministro cattocomunista Delrio) per ridurre il problema. La soluzione verrà solo dal prossimo governo, soprattutto se non ci sarà più il PD o la Boldrini !!!


https://scenarieconomici.it/il-problema-dei-migranti-bastava-lasciar-fare-ai-libici-e-mettere-un-freno-alle-ong/

http://altrarealta.blogspot.it/

RENDIAMOCI CONTO CON CHI ABBIAMO A CHE FARE

http://altrarealta.blogspot.it/

ATTENZIONE IMMAGINI FORTI, NON é UN FILM é REALTA'
 il video é stato censurato da facebook un gruppo islamico mentre tagliava la testa  di un ragazzo
vent'enne colpevole di chissa' quale crimine

la legge Islamica prevede il taglio della testa per i nemici dell'islam e per chi non rispetta alcune leggi coraniche qui sotto il taglio della testa di alcune donne alla mecca



domenica 13 agosto 2017

Dei migranti, alle Ong, non gliene frega un cavolo, é solo business

La rivelazione shock a Quotidiano Nazionale di un addetto alla sicurezza, impiegato su una nave di Save the Children: "I rapporti tra scafisti e molte organizzazioni sono evidenti"

"Una volta abbiamo preso un battello con gente in buone condizioni -racconta. - A dieci minuti dalla costa libica, non in alto mare. Sono evidenti i rapporti tra scafisti e molte organizzazioni.

"Spesso è lo scafista che dà la posizione con il telefono satellitare, - Quando si trova un gommone con decine di persone a bordo sembra quasi che si siano dati appuntamento...". "Mi sentivo un po' complice di un'attività vergognosa. Con Save the Children c'erano scontri anche perché non potevo riferire nulla alle autorità di porto o di polizia". "Sono stato 30 anni in polizia, - prosegue l'uomo, - so come vanno le cose: bisogna sempre seguire la pista dei soldi. 

Io vorrei capire: il ministero dell'Interno quanti soldi ha dato a Save the Chldren? A bordo mi hanno detto che sono operazioni da mezzo milione al mese, 6 milioni l'anno". "Dei migranti, alle Ong, non gliene frega un cavolo - sostiene -, è solamente un business del momento".


"Abbiamo caricato giovani magrebini che erano stati espulsi dall'Italia. Ma dico io, chi abbiamo portato in Italia? Non abbiamo portato i siriani disperati o quelli del Mali che scappano dalla fame. Per me è stato personalmente anche un problema di coscienza".



http://altrarealta.blogspot.it/

venerdì 11 agosto 2017

La giornata tipo di uno schiavo moderno

Nell'Era Moderna ogni mattina un uomo si alza al suonare della sveglia, e strappato violentemente dal dolce sonno corre in cucina a prendere la sua dose di caffeina, che una volta entrata in circolo nel suo organismo a stomaco vuoto, lo farà scattare sull'attenti e rendendolo subito iperattivo.

Lavato e cagato di fretta, il nostrosuperuomo moderno si avvierà verso il luogo di lavoro, tra la rabbia frustante del traffico mattutino, fatto di piccole accelerate e brusche frenate, una marcia lenta e singhiozzante che fa innalzare i livelli di nervosismo alle stelle.

Inizia poi la sua giornata di lavoro, con un falso sorriso stampato in faccia quando il nostro superuomo dovrà salutare colleghi e capi cordialmente anche se gli stanno tutti sul cazzo.

A metà mattina altra dose di caffeina per mantenere stabile in suo livello di produttività...


A mezzogiorno pausa in mensa con cibo spesso scadente e carico di additivi chimici e conservanti, pane con farina 00 raffinata con calce e demineralizzata, acqua di rubinetto al fluoro e un bicchiere di vino ricco di solfiti e pesticidi, una coscia di pollo da allevamento intensivo ricca di pregiati antibiotici e gonfiata di ormoni della crescita e infine un dolcetto ricco di zucchero bianco raffinato, vero e proprio carburante dei migliori tumori in circolazione, e tutto questo ben di Dio, il nostro superuomo lo chiama "cibo".

Ovviamente questo cibo è ricco solo esteticamente, ma in verità è carente di vitamine e minerali, in primis frutta e verdura, che vengono coltivate in maniera industriale e con fertilizzanti chimici derivanti dal petrolio...

Questo causa una seria carenza di vitamine e minerali al nostro superuomo che sarà così costretto a legarsi a vita a vitamine ed integratori "chimici" da prendere una volta al dì, al costo a barattolo di una cassa intera di frutta e verdura fresca di una volta, quella insomma che veniva coltivata in modo naturale e quindi naturalmente ricca di vitamine.

Al pomeriggio ennesima "pausa caffè", il che, con il passare dei giorni creerà una vera e propria dipendenza alla sostanza che produrrà nervosismo e irritabilità, che verranno placati grazie ai "tranquillanti" prescritti dal dottore.


La sera poi, il nostro superuomo moderno afflitto dai mille pensieri quotidiani, dal lavoro alienante, dalle bollette da pagare, dalle rate in corso, dall'affitto e da tutte le preoccupazioni moderne, faticherà a prender sonno e dovrà così ricorrere a potenti sedativi che inducono un sonno artificiale.

E la settimana prosegue così fino a sabato, quando il nostro superuomo finalmente trova riposo e si da all'alcool per evadere nel limite del possibile alla triste realtà a cui è sottoposto e che egli crede essere al sola ed unica realtà.

L'alcool lo inebrierà per qualche ora, rendendolo euforico e sicuro di sé, salvo poi renderlo uno straccio la domenica seguente, dove seguirà una breve revisione della sua vita nell'attesa di ricominciare tutto da capo il lunedì.

Tutta questa ansia, questa fretta, questo calvario fatto di lavoro e lavoro, traffico, stress, cibo artificiale e iperattività, verrà trasmesso ai propri figli e quindi alle generazioni future attraverso l'istruzione scolastica quasi come un "dono".

E la chiamano "educazione", l'addestrare gli esseri umani nati liberi a diventare dei frustati consumatori e infelici che già a 13 anni devono pensare, sotto le pressioni di genitori e insegnati a cosa vogliono fare da grandi, ovvero a quale lavoro dedicheranno l'80% della loro vita in nome di profitto, produzione, consumo di materie prime e distruzione del pianeta, dando così il loro contributo al "progresso".

giovedì 10 agosto 2017

Lo stato è un’istituzione di ladri di grosse dimensioni

http://altrarealta.blogspot.it/

l’Euro Deputato Godfrey Bloom(EFD):”Le tasse servono solo per rubare,quando la gente se ne accorgerà vi impiccherà!

Ecco il suo attacco shock:
Lo stato è un’istituzione di ladri di grosse dimensioni.
Le tasse sono solo un sistema con cui politici e burocrati rubano denaro ai cittadiniper poi sperperarlo nei modi più vergognosi.Questo posto non fa eccezione (riferendosi all’attuale parlamento europeo).
 
Affascinante davvero non riesco a capire come possiate mantenere un’espressione così seria (rivolgendosi agli eurodeputati italiani in primis e a quelli europei che favoriscono l’austerity)quando si parla di evasione fiscale.L’intera commissione e la sua burocrazia pagano le tasse, voi avete “offerte speciali” di ogni sorta:aliquote fiscali composite,soglie fiscali elevate,pensioni non contributive…
Voi siete i più grandi evasori di tutta Europa e sedete quì a “pontificare”.Bene,il messaggio è arrivato nelle case dei cittadini della UE.Scoprirete che gli “euroscettici” torneranno,posso dire di peggio:non appena la gente comprenderà i vostri inganni,non gli servirà molto tempo per prendere d’assalto questo parlamento ed impiccarvi! ED AVRANNO RAGIONE!”
Fonte http://www.divietoditransito.com/2017/07/26/euro-deputato-shock-la-gente-si-accorgera-inganni-vi-impicchera-video/

Consigliato da Jordan Justice